Piercamillo Davigo

Davigo impari dalla ‘sua’ Tangentopoli. L’Anac serve contro la corruzione

Stupisce che sia proprio il dottor Piercamillo Davigo a esprimere giudizi stroncatori sull’utilità dell’Anac nel contrasto alla corruzione. Tangentopoli, di cui il dottor Davigo è stato uno dei protagonisti nelle vesti di inquirente, può essere considerata un esempio eclatante di come il momento puramente repressivo non basti. C’è chi è affezionato a una concezione  palingenetica delle manette, ma i fatti dicono che a distanza di anni da quella inchiesta la corruzione non è stata debellata e diverse persone coinvolte e condannate in inchieste recenti per corruzione comparivano già nei fascicoli di vent’anni fa.

Quanto all’Anac, oggi la vera sfida è proteggerla dalle intemerate della politica che vorrebbe  caricarla di una mole di funzioni ben oltre quelle originarie. Tuttavia il rischio di una megamacchina onnipervasiva potrà essere scongiurato dalla guida accorta e ponderata del presidente Raffaele Cantone.

Annalisa Chirico

Condividi: