Cosentino detenuto

Quasi mille giorni in carcere senza condanna sono troppi, persino per Nicola Cosentino

“Non vi scandalizzate, ma non sopporto il fatto che Nicola Cosentino sia in galera da tempo senza processo. Le sue responsabilità politiche e morali nei confronti dei Casalesi mi sono chiare ma lo Stato di diritto non può venire meno”. A pronunciare questa frase è stato Michele Santoro, che al Salone del libro di Torino ha commentato così la vicenda giudiziaria che coinvolge l’ex sottosegretario Cosentino.

Un caso che è l’emblema di come in Italia si arrivi ad abusare della carcerazione preventiva in barba al principio per cui in uno Stato di diritto la pena si sconta dopo la condanna e non prima. Perché, è bene ricordarlo, Nicola Cosentino, ex parlamentare di Forza Italia ed ex sottosegretario all’Economia, è in carcere in attesa di essere processato da quasi mille giorni. Mille giorni da ‘detenuto in attesa di giudizio’. Proprio come nel famoso film con Alberto Sordi, solo che questa è la realtà.

Dal 2008 Cosentino è accusato in quattro procedimenti differenti: per concorso esterno in associazione mafiosa, reimpiego di capitali illeciti con l’aggravante mafiosa, estorsione, abuso d’ufficio e corruzione. Le richieste di arresto da parte della magistratura furono respinte finché fu parlamentare. Decaduto dal mandato, nel marzo 2013 si è costituito presso il carcere di Secondigliano. La legge stabilisce che la carcerazione preventiva si fondi su almeno una delle seguenti esigenze cautelari: pericolo di fuga, possibilità di delinquere di nuovo, manomissione o nascondimento delle prove. Per Cosentino, non più membro del governo né parlamentare, non più inserito nelle reti decisionali dell’amministrazione, spontaneamente costituitosi, non esiste alcuna di queste condizioni. Eppure per la giustizia italiana deve restare in prigione. Senza un motivo e senza una condanna. E’ la solita storia: manette preventive come anticipazione della pena, perché poi una volta condannato, se mai sarà condannato, il detenuto riconosciuto colpevole uscirà dal carcere. Certezza della pena, bazzecole.

Condividi: