“CONSIP È UNA STORIA TORBIDA: LE ANOMALIE SONO CONCLAMATE”

Annalisa Chirico, giornalista e presidente di Fino a prova contraria, è intervenuta stamane a Radio Anch’io, su Rai Radio 1, per parlare dell’inchiesta Consip.

“È chiaro a tutti che l’inchiesta CONSIP disegni un quadro dai contorni torbidi. Le anomalie investigative sono purtroppo conclamate: ci sono atti manipolati, dichiarazioni attribuite alla persona sbagliata, ripetute violazioni del segreto istruttorio, agenti segreti che continuano a occuparsi di un caso estraneo alla loro competenza”, dichiara la Chirico, che segue la vicenda Consip dagli inizi sulle colonne de Il Foglio. “C’è una procura, quella di Roma, che indaga su uomini dello stato per ipotesi di reato gravi come falso e depistaggio. Che ci siano anomalie e opacità, è conclamato. Resta da chiarire quali saranno le conseguenze”.

“Ci sono colleghi giornalisti che pensano di rendere un servizio alla giustizia mediante la propalazione di atti secretati, di solito sfruttando canali privilegiati nelle procure. La verità è che in nome del diritto di cronaca si consumano veri e propri reati a scapito del regolare svolgimento dell’attività giudiziaria’.

 


▶ ASCOLTA tutto il podcast qui: goo.gl/6VJEjz


Ufficio Stampa FIno a prova contraria

Condividi: